Il sostegno alle realtà locali

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE

L’attenzione ai bisogni delle comunità locali, in tutti i Paesi nei quali il Gruppo è presente, è la condizione imprescindibile per lo svolgimento delle nostre attività. Ecco alcuni esempi di iniziative realizzate nel 2017.

Centro educativo bilingue per bambini da 3 a 6 anni

Italia

Ariston Thermo rinnova il suo impegno a favore di un sano sviluppo dei bambini e sostiene Iris Garden, una scuola materna italo-inglese
a Fabriano, nelle Marche: nata da un’idea di Francesco Merloni, la scuola è equipaggiata con un’ampia dotazione digitale, nonché di strutture
per attività sportive e laboratori di arte, musica, scienze e tecnologia, ed è operativa fino a 11 ore al giorno per aiutare i genitori che lavorano.

36 nuove case per famiglie bisognose

Romania

Ariston ha donato gli impianti di comfort termico per l’intero sito di Big Build, 36 nuove abitazioni per famiglie bisognose nell’area di Bacau,
in Romania: l’impresa è stata voluta e guidata dall’organizzazione no-profit americana Habitat for Humanity, che ha permesso di costruire le 36 case in soli 5 giorni grazie al lavoro di 800 volontari provenienti da tutto il Paese.

“Helping hands”

Vietnam

Ariston Thermo Vietnam rinnova le sue annuali attività benefiche a sostegno della comunità della provincia di Bac Ninh, con
la donazione di scaldacqua ai locali Mental Health Hospital e Leprosy & Skin Hospital.
“In ogni iniziativa industriale non c’è valore del successo economico se non c’è anche l’impegno nel progresso sociale.”
Aristide Merloni

A SOSTEGNO DEL PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE

La San Ginesio, in provincia di Macerata, una riproduzione lignea della famosa opera del Canova “Amore e Psiche” è stata
ritrovata integra tra le macerie del sisma. Per volere di Francesca Merloni, Ambasciatore Unesco per le Città Creative, la statua
ripercorrendo il mito greco dell’omphalos è diventata il simbolo della resilienza del Centro Italia e del desiderio di rinascita
dell’intero Appennino. La statua è ora protagonista di una significativa esposizione, sempre a san Ginesio, che è stata inaugurata
da Irina Bokova, Direttrice generale dell’Unesco.

A SOSTEGNO DELLA RIPRESA ECONOMICA POST-TERREMOTO

Nel corso del 2017 la Fondazione Aristide Merloni, che ha come principale sostenitore finanziario il gruppo Ariston Thermo, ha concentrato attività e risorse sulle aree del Centro Italia colpite dal terremoto del 2016.

L’obiettivo del progetto “Rinasco – Salvare l’Appennino” è valorizzare le energie ancora presenti sul territorio e riorganizzare comunità ed economia locali, soprattutto attraverso la combinazione di conoscenze e tecnologie digitali. Francesco Merloni, Presidente della Fondazione Aristide Merloni e Enrico Letta, Presidente del Comitato scientifico, si sono fatti portavoce di un appello a personalità italiane e internazionali dell’economia e della scienza, per studiare, elaborare e realizzare progetti concreti per il rilancio dell’Appennino.

Sono state così realizzate iniziative della Fondazione sulle specifiche necessità di comunità o filiere produttive. La collaborazione con Ericsson e E-distribuzione, società del Gruppo Enel, ha permesso di realizzare una piattaforma digitale di mappe dinamiche per la sicurezza del territorio.

In collaborazione con Namirial è stato realizzato Health Point, un presidio sanitario di telemedicina che consente di svolgere esami clinici attraverso tecnologie digitali e dispositivi innovativi a supporto soprattutto di persone anziane o isolate.

Inoltre, ogni “tribù” economica è stata associata a un importante partner per progetti, collaborazioni e attività: produzione di nocciole, allevamento di vacche nutrici, sviluppo dell’e-commerce per produttori di nicchia; app per “camminatori dello spirito”, homesharing per proprietari di seconde case. La Fondazione ha inoltre promosso l’inserimento di venti consulenti in piccole imprese delle aree colpite dal sisma per aiutarle a crescere con il supporto delle tecnologie digitali.

Ariston utilizza Cookie (propri e di altri siti) per offrire una migliore esperienza di navigazione. Una volta continuata la navigazione sul sito, se ne autorizza l’invio e l’uso. Per saperne di più o negarne il consenso clicca qui.