Lo scenario mondiale nel settore del comfort termico

LA SFIDA ENERGETICA

Lo scenario mondiale nel settore del comfort termico
II consumi energetici mondiali crescono e aumentano le emissioni di CO2:
la sostenibilità ambientale del pianeta è a rischio.
Il consumo mondiale di energia primaria, sia residenziale sia commerciale, aumenta proporzionalmente allo sviluppo sociale, economico e industriale dei Paesi emergenti e si aggiunge ai consumi, già consistenti, dei Paesi occidentali.
Scenario per le emissioni di gas serra globali (Fonte: Our World in Data 2018)

Ultimatum al pianeta terra

Le attività antropiche hanno determinato un riscaldamento globale che nel 2017 ha fatto salire la temperatura di circa 1°C rispetto ai livelli pre-industriali.
Diverse regioni hanno già registrato fenomeni di riscaldamento ben superiori alla media, specialmente nelle aree continentali: dal 20% al 40% della popolazione mondiale risiede in regioni dove il riscaldamento globale ha superato gli 1,5°C nel corso di almeno una stagione tra il 2006 e il 2015.

Fonte: IEA 2018, World Energy Outlook
EMISSIONI GLOBALI DI CO2

Emissioni di COdi nuovo in rialzo.

Dopo tre anni di stallo, nel 2017 le emissioni globali di CO2 hanno ripreso a crescere.
L’anidride carbonica legata ai consumi energetici globali è aumentata dell’1,4% nel 2017 o di 460 milioni di tonnellate (Mt) in termini assoluti, raggiungendo un nuovo massimo storico di 32,6 giga-tonnellate (Gt).
L’aumento delle emissioni di carbonio, equivalente a quello che si sarebbe avuto con 170 milioni di auto in più in circolazione, è frutto della forte crescita dell’economia mondiale (3,7%), del ribasso dei prezzi dei combustibili fossili e dei minori sforzi di efficientamento energetico.

Un appello mondiale

I policymaker di tutto il mondo stanno esplorando le possibili soluzioni per scongiurare la peggiore delle ipotesi.
Una sfida così imponente richiede un’analisi di ampio respiro di tutti i cambiamenti socio-economici. La comunità internazionale può fare ricorso a diverse leve per affrontare la minaccia del riscaldamento globale.
L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, sottoscritta nel 2015, fissa già una serie di obiettivi ambiziosi tesi a promuovere uno stile di vita più sostenibile su scala mondiale. Non è ancora chiaro se i propositi per il 2030 saranno realizzabili. Nel “World Economic Outlook 2018” della IEA si prospettano numerosi scenari in funzione di diverse politiche possibili. Nel rapporto si individuano in particolare misure a costo zero la cui adozione permetterebbe di contenere le emissioni e raggiungere l’obiettivo di un rialzo delle temperature globali non superiore ai 2°C stabilito dall’Accordo di Parigi del 2015.
AREE DI INTERVENTO per abbattere la CO2
  • ALTRO 63
  • EFFICIENZA DEI PRODOTTI PER GLI UTENTI FINALI 37

L’efficienza energetica è l’intervento principale per la riduzione di CO2.

Secondo il rapporto 2018 dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, se consideriamo il totale delle possibili aree di intervento per il contenimento delle emissioni di CO2 entro il 2040, il 37% è rappresentato dall’efficienza energetica, principalmente dei prodotti utilizzati dall’utente finale.
Una maggiore efficienza di questi prodotti può contribuire a ridurre in modo sostanziale l’incremento di emissioni annue previsto.
CONSUMI GLOBALI PER SETTORE
  • COMFORT TERMICO 24
  • ALTRO 17
  • INDUSTRIA 30
  • TRASPORTI 29

L’impatto del comfort termico sul settore energetico

A livello mondiale il comfort termico incide per il 24% sul complesso dei consumi energetici finali.
Il consumo di energia e le emissioni sono provocati da tre aree di utilizzo principali: il 30% è prodotto nell’industria, il 29% nei trasporti e il 24% dal comfort termico residenziale e commerciale.
Fonte: Eurostat 2017 e stime interne
CONSUMI ENERGETICI MEDI RESIDENZIALI
Europa occidentale

L’incidenza del comfort termico risulta particolarmente evidente in riferimento al consumo energetico residenziale: la domanda di riscaldamento nel settore immobiliare a livello globale rappresenta circa il 75% dei consumi finali complessivi e si riferisce soprattutto al riscaldamento degli ambienti.
Ariston utilizza Cookie (propri e di altri siti) per offrire una migliore esperienza di navigazione. Una volta continuata la navigazione sul sito, se ne autorizza l’invio e l’uso. Per saperne di più o negarne il consenso clicca qui.