La sostenibilità inizia dai siti produttivi

Nel 2020 il Gruppo ha attivato un progetto pilota per il monitoraggio dell’energia in 3 impianti in Italia (Genga, Cerreto, Arcevia Thermowatt). L’implementazione del sistema di energy management ha previsto l’installazione di contatori sulle linee a gas e di elettricità e l’adozione di una piattaforma digitale per una visibilità costante sulle performance dei siti. Il monitoraggio dei flussi energetici, e dei costi ad essi correlati, permetterà al Gruppo non solo di ridurre le perdite ma anche di porre le basi per una strategia a lungo termine di efficientamento energetico.

L’obiettivo di raggiungere una maggiore efficienza energetica, con cui si attende una riduzione dei consumi del 3% rispetto all’anno precedente, è perseguito anche al di fuori dell’Italia: sia nell’impianto di Namur, in Belgio, che a Wuxi, in Cina, trova conferma un impegno che il Gruppo intende progressivamente estendere anche agli altri stabilimenti aziendali.

Per ottenere una riduzione delle emissioni di CO2, l’Azienda ha avviato uno studio sulle finiture superficiali dei materiali plastici con l’obiettivo di ridurre i processi di verniciatura dei prodotti che, per loro natura, sono energivori ed inquinanti. Il progetto pilota lanciato nel 2020 ha dimostrato una potenziale riduzione annuale di 1.800t di CO2, un traguardo significativo considerando che il progetto ha riguardato una sola tipologia di prodotto. Nel corso del 2021 questa tecnologia verrà estesa anche ad altre categorie, a testimonianza di un impegno sempre maggiore verso la sostenibilità ambientale.

Ariston utilizza Cookie (propri e di altri siti) per offrire una migliore esperienza di navigazione. Una volta continuata la navigazione sul sito, se ne autorizza l’invio e l’uso. Per saperne di più o negarne il consenso clicca qui.